Now Reading
Carter Oblio: Materia e cucina in un connubio fiammeggiante

Carter Oblio: Materia e cucina in un connubio fiammeggiante

Carter Oblio

La Storia di Carter Oblio

Con l’insegna color ruggine, le ampie vetrate verdi e l’atrio di legno che ricrea un’ aria boschiva dai tratti minimal, vi proponiamo oggi il ristorante Carter Oblio, punto di riferimento del buon gusto e della ricercatezza gastronomica. Situato nel quartiere Prati, gioiello nevralgico di Roma, il locale si presenta con uno scenario elegante, essenziale, qualità unica che si riflette in ogni elemento decorativo e artigianale. Dall’utilizzo di tavoli in legno massello di rovere, alle rifiniture in ferro battuto, fino alle particolari pareti ruvide, corrose ad arte, la sala fa percepire la sua materialità e focalizza il corpo del cliente sulle sensazioni tattili e visive.

Il ristorante nasce come un alter ego dello Chef, Ciro Alberto Cucciniello, il quale, anagrammando i suoi due nomi, ha creato una sua seconda identità racchiusa da un punto interrogativo, nonché logo del ristorante.

Un gioco di sapori tutto nuovo

Lo Chef, anzi Carter Oblio, propone la sua cucina raffinata, ricercata, proveniente da una mescolanza di sapori e consistenze, che rendono partecipe il commensale nel suo “gioco di confusione”. Una linea gastronomica composta di ricordi, di luoghi e idee, fatta per essere evocativa, giocosa e intrigante.

Infatti, abituando il suo pubblico ad un continuo rinnovamento, dovuto alla ricerca maniacale e professionale di materie prime freschissime, il menù vuole essere il risultato di viaggi, contaminazioni rurali e territoriali. Il tutto condito con ingegno, dedizione e sapienza per la stagionalità, che hanno portato all’incredibile scoperta di tecniche di cottura primitive.

La politica in cucina

Dietro la cucina di Ciro Alberto Cucciniello, e di conseguenza dello staff giovanile e affiatato di Carter Oblio, c’è un’unica idea, un progetto filosofico legato alla vera creazione, dove l’artigianalità abbraccia ogni fase di preparazione.

Ciascun piatto, abbinamento e ingredienti, quali lievitati, pasta, essiccati, fermentati, polveri, vengono prodotti “in casa” giorno per giorno, con cura e amore.

Ogni elemento partecipa a un unico risultato: la centralità dell’esperienza gastronomica. Il luogo si priva per lasciarsi completare dal piatto.

Il Fuoco: elemento primordiale nel ristorante

Carter Oblio pone al centro della sua gastronomia il fuoco, l’elemento primitivo e affascinante che accompagna l’uomo dall’alba dei tempi.

In tutte le sue forme, forze e declinazioni, questo si istituisce come vero principe della cucina. Un protagonista poliedrico che passa dalle bruciature espresse a fiamma viva, alle cotture antiche come al carbone e sotto la cenere, alle affumicature e cotture in vasi di terracotta.

Un’alternanza costante, tra vecchio e nuovo, passato e futuro, che contiene e armonizza varie storie.

Dove si trova

Al civico 21 di Via Belli, a pochi passi da Piazza Cavour, Il logo di Carter Oblio si mostra nella sua triplice forma di profilo, sagoma e punto di domanda, che invita il cliente ad un’inedita esperienza culinaria e sensoriale.

Invito alla scoperta

Prenota ora il tuo tavolo al ristorante Carter Oblio e facci sapere cosa ne pensi in un commento qui sotto!

Fonte di recensione la nostra iscritta al gruppo Facebook Cibo che Passione Alessandra Ippolito

What's Your Reaction?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Cibo che Passione - Corso di Francia, 165c 00191 Roma - C.Fisc.: 15805991005 - P.iva: 15805991005

 

Scroll To Top