Now Reading
La panzanella: la ricetta di recupero del centro Italia

La panzanella: la ricetta di recupero del centro Italia

panzanella

La panzanella, il piatto povero per eccellenza ma dal gusto fresco e spettacolare, è una delle preparazioni classiche della nostra storia culinaria…e oggi Giulia Mazzotta, per ricordarlo a noi di Cibo che Passione, ha deciso di immortalarla in questa bellissima foto.

Ma andiamo a vedere la ricetta.

Ingredienti

Rivendicata come propria dalle regioni centrali italiane della Toscana, Marche, Umbria, Abruzzo e ovviamente Lazio, la ricetta della panzanella ha subito nel tempo innumerevoli variazioni, a seconda degli ingredienti di recupero che si trovavano in casa…e per questo motivo, oggi, vi proponiamo la nostra versione.

Quindi per la nostra versione della panzanella, per 4-6 persone, ci servirà:

  • 400 gr di pane raffermo (quello che avete in casa)
  • 500 gr di pomodorini ciliegino maturi
  • 1 cipolla rossa
  • 350 gr di acqua (quantità variabile a seconda delle vostre esigenze)
  • basilico q.b.
  • aceto di vino bianco q.b.
  • olio q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Ingredienti facoltativi:

  • 1 cetriolo
  • 100 gr di olive nere

Procedimento

Come già saprete, per preparare la nostra panzanella ci vogliono pochi e semplici passaggi, quindi iniziamo subito.

Cominciamo tagliando in pezzi più piccoli il pane (se vi risulta troppo grosso per la ciotola), per poi immergerlo in una ciotola piena di acqua fredda (renderà più fresco il pane al momento dell’assaggio). Premiamolo leggermente con le mani per farlo inzuppare bene e lo lasciamo in ammollo per 30 min circa.

Nel frattempo puliamo, tagliamo a strisce sottili e condiamo con un goccio di aceto di vino bianco la cipolla rossa e la lasciamo macerare per 10-15 min. Poi sgoccioliamola e mettiamola da parte.

Dunque, se vogliamo, tagliamo prima a rondelle e poi a metà il cetriolo e lo uniamo con le nostre cipolle condite, così che prenda anche esso un leggero sentore di aceto.

Ora laviamo bene sotto acqua corrente i pomodorini ciliegino, li asciughiamo con carta assorbente e li tagliamo come meglio gradiamo (noi preferiamo a rondelle perché, nella composizione finale, si distribuiscono meglio).

Quindi è arrivato il momento di scolare il pane bagnato, lo strizziamo in modo energico e lo spezzettiamo più o meno finemente all’interno del piatto di portata.

Uniamo a quest’ultimo le cipolle e il cetriolo marinati, i pomodorini e le foglie di basilico, spezzettati a mano in pezzi piuttosto grossolani. Infatti, in questo modo, gli oli del basilico non si perderanno sul tagliere (cosa che sarebbe successa se l’avessimo tagliato al coltello) e, di conseguenza, la panzanella risulterà più saporita e profumata.

Inoltre, se lo desideriamo, possiamo aggiungere le olive nere, o intere o tagliate, per dare un tocco di colore e gusto personale al piatto.

Dunque, condiamo la panzanella ottenuta con un bel giro d’olio (equivalente a 4 cucchiai), un generosa dose di aceto di vino bianco, un pugnetto di sale e una macinata abbondante di pepe. Poi riponiamola chiusa in frigo a raffreddare per 1h o più.

Dopo il tempo stabilito, tirate fuori la vostra panzanella, servitela a tavola ben fredda, magari come ha fotografato la nostra Giulia dentro una forma di pane scavata all’interno, e il gioco è fatto.

Buon Appetito!

Conclusione

Se vi è piaciuto questo piatto, condividetelo con i vostri amici e familiari e non esitate a lasciare un commento con le vostre impressioni!

Scopri altre deliziose proposte culinarie sul nostro sito Cibo che Passione e diventa membro del nostro gruppo.

What's Your Reaction?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Cibo che Passione - Corso di Francia, 165c 00191 Roma - C.Fisc.: 15805991005 - P.iva: 15805991005

 

Scroll To Top